Cronaca – Ci sono partite che finiscono al 90′

Rigore per la Juve

Chi di calcio non capisce nulla potrebbe farsi domande stupide tipo “quanto dura una partita?” e qualche malpensante potrebbe rispondere “fin quando non vince la Juve”, col che chiudendo la porta a qualunque altra considerazione.

Ma potrebbe scoprire che in Europa, o almeno fuori Italia, non è così:…. In Champions e in atri tornei le partite hanno 90 minuti e i recuperi, parsimoniosi e generalmente equilibrati, non hanno la funzione di favorire una delle due squadre, o se lo fanno tutto avviene in misura minima e casuale.

Per giunta, incredibilmente, i rigori non vengono elargiti come manifestazione di simpatia sempre agli stessi.

Juve fortunata

Col che nessuno vuol dire che la Juve non sia una grande squadra, ma semplicemente che fuori dall’Italia, dove evidentemente il clima è diverso e gli arbitri arrivano da tutta Europa, il tempo di gioco e le motivazioni di assegnazione dei rigori assumono una curiosa valenza neutra, senza curarsi degli entusiasmi bianconeri e dei rammarichi di tutti gli altri.

Poi ovviamente c’è chi parla di malcontento dei perdenti, sul quale sicuramente si possono spendere parole e considerazioni, ma ogni tanto fa piacere scoprire che trovarsi costretti ad assumere per mano, anzi, piede di qualcun altro, la stessa medicina fatta di fortuna altrui e sfortuna propria che generalmente la Juve somministra a qualunque altra squadra italiana le capiti di incontrare in campionato o tornei locali, fa anche ai bianconeri lo stesso effetto che a tutti gli altri.

Per dovere di equità speriamo che anche in Italia le partite e gli arbitri ritornino ad allinearsi e il numero di rigori a favore della Juve rientri nelle statistiche. Sennò per il campionato italiano bisognerà cambiare la durata delle partite e per sapere “quanto durano” e “quanti rigori” bisognerà chiederlo ad Agnelli.

Buona giornata

L’impertinente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *