Politica – Sodomia alla francese

Chi è quello a testa bassa?

Se mai avessimo avuto bisogno di un sinonimo, da qualche tempo la potremmo chiamare “Macronia”, col che identificando la singolare specifica capacità del nuovo Presidente francese di metterla nel didietro agli italiani, appunto Macronizzandoli.

Italiani che, peraltro, con un comportamento la cui virilità può solo essere paragonata a quella prorompente di Cristiano Malgioglio, mostrano di gradire e si agitano vezzosamente per compiacere l’attivo sodomita (anzi, Macronita) transalpino, forse confidando nel fatto che si possa un giorno o l’altro stufare di una moglie 24 anni maggiore di lui.

La sommatoria delle vicende economiche che coinvolgono i due paesi non lascia scampo a dubbi: sia nella vicenda Telecom, interamente controllata da Vivendi, che in quella STX, di fatto totalmente francese dove nel progetto di fusione per un polo mondiale della cantieristica, a Roma verranno lasciati gli asset civili in perdita da risanare con denaro italiano e Parigi si terrà quelli militari in attivo, sottraendo così sia gli utili che le tecnologie a qualunque intervento italiano, relegando di fatto Roma al ruolo di subfornitore, che però rischia il proprio.

La cosa curiosa è che nell’articolo del 11/09/2017 a firma Damiano Trieste, pubblicato su Difesa Online, viene presentata come ipotesi la vicenda del “polo cantieristico” di impostazione sodomita/Macronita con una abbondanza di dati e informazioni che pare proprio un’ipotesi non sia, ma sicuramente una nuova luminosa avventura destinata a svuotare le casse italiane a favore di quelle francesi.

In tutte le aziende con l’etichetta Italo/Francese (o meglio Franco/Italiana) la ripartizione dei compiti è sempre la stessa: Parigi dirige l’orchestra e incassa gli utili, Roma esegue e fronteggia le perdite.

Non chiedetevi perché: le cose stanno così e chi firma gli accordi o accetta i capovolgimenti di fronte e i contratti capestro avrà i suoi buoni motivi.

Peccato che saranno sempre e solo suoi, mai del rimanente popolo italiano, che sta facendo l’abitudine ad essere il “buco di culo” economico, più disponibile del pianeta, 24/24.

Se avete una sodomia economica (anzi una Macronìa) da soddisfare, presentatevi a Roma con un po’ di spiccioli e vedrete che qualcuno pronto a vendere il suo paese lo trovate in 5 minuti, anche senza lubrificante.

Qualche giorno fa ho incontrato Topolino che con 5 dollari in una mano e un progetto di fusione nell’altra cercava un partner italiano: secondo voi, perché?

Buona giornata

L’impertinente

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *